Esperienza esame


Vins

Membro attivo
Utente Premium
2 Gennaio 2016
27
14
3
#1
- Prof: Cotroneo
- Data: 19/02/2019
- Materiale utilizzato: le slide messe a disposizione dal prof sono più che sufficienti, anche se consiglio di seguire il corso che è comunque molto interessante;
- Esame: L'esame consiste in un esercizio scritto + orale + homework. Durante il corso vengono assegnati 5 Homework, da fare in gruppi di 2/3 persone, che fondamentalmente ricoprono la maggior parte del programma:
1) Benchmark: comparare le performance di un computer per andare ad eseguire un insieme di operazioni di I/O di Lettura/Scrittura di un file binario, andando di volta in volta a modificare il filesize e blocksize;
2) Workload Characterization: viene fornito un dataset dal prof e bisogna caratterizzarlo applicando PCA e Clustering;
3) Web Server: valutare le performance di un web server Apache che risponde a delle richieste di un client (pagine web) simulate tramite software JMeter;
4) Reliability: vengono assegnati 5 esercizi sula reliability;
5) FFDA: viene fornito un file di log contenente tutti gli errori rilevati in un determinato intervallo di tempo in un sistema. Bisogna applicare le tecniche dell'FFDA per andare a determinare quali sono i componenti più critici, qual è la reliability del sistema, ecc.
All'esame in genere ci sono sia il prof Cotroneo che i due assistenti Rosiello e Liguori.
Inizialmente viene chiamato un bel gruppone di ragazzi da Rosiello a fare l'esercizio di "teoria delle code", che sarebbe l'unica parte scritta dell'esame.. Ognuno ha una traccia propria, ma fondamentalmente non ci sono limiti di tempo, ti siedi là e quando hai finito gli chiedi di correggerlo. Li corregge solo Rosiello e chiama uno alla volta così da vederli insieme.. Se anche ci sono errori basta che capite di aver sbagliato e riuscite a ragionare per arrivare alla soluzione giusta e può anche mettervi A. Poi può capitare che fa anche un'altra domanda sempre di teoria delle code.
In generale per Rosiello devono passarci tutti, perchè teoria delle code è obbligatoria e la fa lui. Una volta corretto, vi da una valutazione tipo buono o sufficiente (oppure A, A-, B+, B, ecc). Poi può chiamarvi Liguori, che si occupa dei primi 2 elaborati, e anche lui vi darà una valutazione allo stesso modo. Alla fine si va da Cotroneo, che quindi avrà i risultati degli altri 2, che finirà l'esame, chiedendovi domande di teoria generiche e cose sul resto degli elaborati, e vi metterà il voto finale.
Può anche capitare di andare direttamente con Cotroneo (sempre dopo teoria delle code), che quindi vi chiederà tutti gli elaborati, senza dover passare per Liguori. Ovviamente potete essere chiamati in ordine diverso, a seconda di quale assistente è disponibile.
- Domande ricevute: Personalmente le domande ricevute nell'ordine sono:
Liguori:
- domande varie sul secondo elaborato (come ho calcolato la devianza persa, la devianza intra-cluster e la devianza-totale);
- Cos'è il clustering, quali sono le possibili metriche da usare per le distanze (Single Linkage, Complete Linkage, Average Linkage, Centroidi, Ward);
- Teorema del limite centrale;
- Design of Experiments: two factor experiments con e senza replicazioni;
Rosiello:
- Esericizio rete aperta con coda M/D/1 (servente con tempo di servizio costante);
Cotroneo:
- Differenza tra reliability e safety, soffermandosi sul perchè la safety è più costosa, collegandosi poi all'analisi degli hazard e a FMEA;
- Modo alternativo per fare uno degli esercizi del 4 elaborato;
- Difficoltà: In generale è un esame bello tosto, inutile negarlo, gli elaborati richiedono parecchio tempo e la teoria è vastissima. Però è assolutamente fattibile, personalmente gli argomenti sono stati quasi tutti interessanti, e la maggior parte delle cose che si studiano per la teoria bisogna poi applicarle praticamente sugli elaborati, quindi si capisce tutto meglio ed è difficile che ci sia qualcosa che vi sia completamente estranea, o che non abbiate capito alla fine. L'importante negli elaborati è dimostrare di aver capito cosa è stato fatto e di saper ragionare sulle cose, per il resto non contano molto i risultati ottenuti (ad esempio se si hanno anomalie o risultati poco "ideali" non è un problema, purchè però si avanzino delle ipotesi su cosa possa essere successo per aver portato a tali risultati e si faccia capire al prof che ci avete ragionato).
Per l'esame in sè, gli assistenti sono bravissimi, tendono ad aiutarti e non ti mettono fretta in alcun modo. Cotroneo è un pò più severo, quindi se si fanno errori gravi può anche incazzarsi, e tende ad andare un po' più nello specifico nelle domande rispetto agli altri due. Però anche lui è un bravo professore, e se si è studiato non ci sono assolutamente problemi.
 

Seguici su Facebook