Info Esame Controlli Automatici [Di Bernardo]


Salvatore Capuozzo

Membro
Utente Premium
21 Settembre 2015
13
1
3
#1
- Esame: Controlli Automatici, Mario Di Bernardo

- Tempo impiegato per la preparazione: Tempo del corso + un mese

- Traccia e/o domande ricevute all'esame: La prova scritta, come di consueto, consisteva in varie domande orali, domande di Matlab e di quattro esercizi. Gli esercizi erano i seguenti:
1. Progettazione controllore con azione integrale
2. Progettazione controllore con luogo delle radici
3. Progettazione controllore in frequenza
4. Progettazione controllore PD
Le domande dello scritto vertevano intorno agli argomenti inerenti agli esercizi. All'orale mi è stato chiesto di costruire un osservatore di stato e di enunciare il principio di separazione.

- Libri e appunti utilizzati: Lucidi del prof. Di Bernardo scritti durante il corso + Fondamenti di Controlli Automatici di Bolzern, Scattolini e Schiavoni

- Eventuali difficoltà riscontrate e/o osservazioni personali: La difficoltà principale non sta tanto nella mole di studio per questo esame, quanto nel fatto che all'esame gli studenti hanno a disposizione solo due ore. Per questa ragione suggerisco di esercitarsi parecchio sulle tracce scritte degli anni precedenti, al fine di velocizzare tutti i passaggi.

Esistono varie tipologie di esercizi: progettazione di controllori e osservatori mediante ispezione diretta, Ackermann, Luogo delle Radici, criterio di Nyquist, criterio di Bode, traduzioni di specifiche in s e in frequenza, controllori PID, controllori a relé, controllori non lineari con funzione descrittiva, digitalizzazione di controllori. Una volta imparato il procedimento per ciascuna tipologia di esercizio, è necessario anche imparare a non commettere errori e svolgere tutto in fretta.

Un buon modo per iniziare, senza aver seguito il corso, è quello di guardare i lucidi del prof, che includono anche esercitazioni e procedimenti passo-passo per vari esercizi. Utilizzare appunti venduti da studenti è un'arma a doppio taglio: sebbene spieghino i procedimenti, non è detto che i conti siano corretti, né che i procedimenti adottati siano i più efficaci. Consiglio di utilizzarli solo una volta acquisita una minima confidenza con la materia.

Preparando lo scritto si prepara automaticamente anche la teoria, in quanto non solo gli esercizi richiedono conoscenze di essa, ma anche perché le tracce includono circa una decina di domande tra teoria e Matlab. In merito a quest'ultimo, è importante utilizzarlo non solo per saper rispondere alle domande Matlab, ma anche per verificare le soluzioni trovate per gli esercizi svolti.

La valutazione dello scritto di questo esame è essenzialmente basato sul quantitativo di domande corrette e dalla correttezza degli approcci e degli svolgimenti degli esercizi, piuttosto che dalla correttezza dei risultati e dei conti. Basandomi sull'esperienza di tutti gli studenti dell'appello al quale ho partecipato, con parte delle domande svolte correttamente e almeno due esercizi fatti bene nello svolgimento si passa.

Una nota dolente da sottolineare è la modalità di passaggio alle prove orali. Difatti, il professore comunica la data degli orali, ma non l'elenco degli ammessi né i voti. Questo perché lo studente viene a conoscenza della propria situazione solo all'orale stesso. Si possono verificare 4 condizioni:
1. Studente bocciato
2. Studente promosso, si va solo a convalidare il voto
3. Studente promosso, ma necessaria un'integrazione con domanda di teoria
4. Studente promosso, ma necessaria un'integrazione con domanda Matlab
Questo è basato essenzialmente su come si è andati allo scritto, ragion per cui se si hanno dei dubbi su una certa domanda o un certo esercizio, consiglio fortemente di studiare quello.

Per il resto posso dire che all'orale il professore è parecchio calmo e disponibile, gli basta sapere di aver capito la teoria senza scendere troppo nel dettaglio (alla fine l'orale serve solo per confermare il voto o, se si va proprio bene, per aumentare di un punto). Mi è capitato di ricevere la domanda direttamente da lui, ma è parecchio probabile di beccare uno dei suoi innumerevoli assistenti, che comunque mi sembrano tranquilli a loro volta.
 

Seguici su Facebook